Rendimenti subatomici

Ogni giorno, spesso più volte al giorno, leggo i rendimenti dei titoli di stato in circolazione nel mondo. Sarà perchè  Bloomberg ha appena cambiato la sua interfaccia grafica (più accattivante devo dire) ma l'ultima volta che l'ho fatto, pur conoscendo praticamente a memoria quei dati devo dire che ne sono stato sorpreso.
Sciorinandone qualcuno penso che anche voi proverete lo stesso stupore.
Oggi sottoscrivere un Bund (titolo di stato tedesco di durata pari a 10 anni) rende, LORDO, un interesse ANNUO dello 0,35%.
La versione trentennale (30 anni...) offre un tasso di interesse, LORDO ANNUO, dell' 1,03%. 
Si dirà: certo, il rendimento è inesistente (anzi decisamente negativo considerando oneri, commissioni e tassazioni varie) ma è tale in quanto non c'è niente di più sicuro al mondo che comprare un titolo tedesco. Pochissimo rischio, pochissimo rendimento.
Che dire però di un Oat (titolo di stato francese sempre a 10 anni) che "offre" un rendimento lordo dello 0,58% annuo?. O di un nostrano Btp decennale che non va oltre un modesto 1,59% lordo annuo?.
Naturalmente c'è anche chi fa "meglio": un titolo svizzero a 10 anni è già in territorio negativo al lordo: -0,07%.
Quando ho aperto il Blog, circa due anni e mezzo fa, i rendimenti erano molto più alti: il Bund decennale era intorno al 2%....
Insomma, la "repressione finanziaria" della Fed, della Boj e ora della Bce, attuata attraverso massicci piani di quantitative easing, ha di fatto azzerato i rendimenti dei titoli di stato, facendone ovviamente impennare i prezzi.
Così non può durare, anche se, di fatto, la Bce fino ad almeno Settembre 2016 continuerà di questo passo.
Dunque la domanda delle domande è quando, non se, finirà il mondo irreale dei rendimenti subatomici. Tra gli addetti ai lavori si va da pochi mesi a dieci anni. Un range che non aiuta a farsi un'idea.
La realtà è che nessuno lo sa. Stiamo tutti navigando in acque sconosciute, in cui i creditori (i sottoscrittori dei titoli) PAGANO i debitori per detenere il loro debito!. Irreale....ma vero.




Post popolari in questo blog

Le Porte di Tannhäuser

Finanza Comportamentale: l'Overconfidence

Il "Rosso e il Nero" di Alessandro Fugnoli